28-07-2000


Luana Pasquale
(nata nel 1978)


L'AMORE 


Tra le tue mani

i miei seni,

la tua bocca

tra il loro incavo,

come un vento

che sale dalla valle

fino ad arrivare

in cima alle due vette,

un fuoco lento

scende lungo le pendici

delle montagne

fino ad arrivare al mare,

il dividersi delle acque

per farvi entrare

un uomo,

lentamente il mare

chiude i suoi battenti

e lo incatena a se.

Un fuoco si accende

tra le acque cristalline

del mare,

e grida di gioia

arrivano dalla spiaggia,

respiri affannosi

per il troppo nuotare,

poi all'improvviso

con un grido smorzato

per la stanchezza delle membra,

il fuoco come arrivato

per incanto

scompare,

il mare apre di nuovo

i suoi portoni

per far uscire l'uomo

a cui ha donato

tutto se stesso.

 

 

VORREI

 

 

Vorrei che al posto

di questa sigaretta

tra le mie labbra,

ci fosse la tua bocca,

vorrei che al posto

di queste stelle

davanti al mio sguardo

ci fossero i due diamanti

dei tuoi occhi,

vorrei che al posto

di questi fiori

tra le mie mani

ci fossero le tue,

vorrei che al posto

della solitudine

ci fossi tu

al mio fianco,

vorrei che al posto

di questi abiti,

ci fosse il tuo corpo

a coprirmi,

vorrei che al posto

di questo fermaglio

tra i miei capelli

ci fossero le tue dita.

Vorrei che al posto

del vento

ci fosse il tuo alito

a colpirmi il viso,

vorrei che al posto

di tutta questa gente

intorno a me

ci fosse la tua presenza

vorrei che al posto

del mio viso

riflesso in questo specchio,

ci fosse il tuo.

Vorrei che al posto

di qualunque cosa

ci fossi tu.




Altre poesie di Luana Pasquale qui

 

Questo sito stato chiuso nel novembre 2000. Nella cache del Google, ho ricuperato alcune poesie di Luana Pasquale che possono essere viste qui.